14 gen 2017

Camerata Peppe Straquadanio: PRESENTE!

È venuto a mancare questa notte il camerata Peppe Stracquadanio, storico militante forzanovista del Coordinamento ibleo di Forza Nuova.
Dopo una battaglia durissima contro la malattia, combattuta con la sua solita forza ed energica risolutezza, il nostro fratello di lotta si è inginocchiato solo alla volontà di Dio onnipotente.
Possa il Signore accoglierlo nel suo abbraccio.
Alla famiglia ed alla sua comunità vanno le più sincere condoglianze di tutti i forzanovisti siciliani e del segretario nazionale.

13 gen 2017

Separarsi non è dirsi addio. Ciao Peppe U Bianco.

Forza Nuova Coordinamento Ibleo è in lutto, abbruna le sue bandiere per il ritorno alla casa del Padre del Camerata e Fratello di lungo corso Giuseppe Straquadanio stroncato da un male già sconfitto ma che nel suo ritorno non ha reso giustizia dell'ancor giovane età. 

Siamo certi che continuerai a starci affianco in ogni nostro agire e che la tua presenza non verrà mai meno. 

Gianni Cicciarella ed i militanti forzanovisti modicani si stringono intorno al dolore della famiglia. 




07 gen 2017

ACCA LARENTIA 2017

... culto dei martiri, la voglia di commemorare chi, a differenza del militante di oggi, ha avuto la “sfortuna” di vivere le proprie passioni politiche in un momento storico in cui per quelle si pagava con la vita.
...la strage di Acca Larentia, avvenuta il 7 gennaio 1978 davanti all’ex sezione Msi dove morirono 3 giovani del Fronte della gioventù, rappresenta uno di quei congiungimenti ideali tra il militante di oggi e quello di ieri.
...anche quest’anno, come ogni anno, verranno ricordati Franco Bigonzetti e Francesco Ciavatta, i due ragazzi uccisi nell’agguato rivendicato dal sedicente gruppo di estrema sinistra Nuclei armati per il contropotere territoriale, e Stefano Recchioni, la terza vittima che quel 7 gennaio di 39 anni fa accorse sul luogo della strage e venne ucciso a colpi di pistola da un agente dei Carabinieri. Morì solo dopo due giorni d’agonia.


Correva l'anno 2011 ...
Vittoria










Correva l'anno 2012 ...
Comiso














Correva l'anno 2013 ...
Scicli













Correva l'anno 2014 ...
Giarratana













Correva l'anno 2015 ...
Ispica



















Correva l'anno 2016 ...
Sede a Modica












Negli anni a vennire!


03 gen 2017

Per Vestire la Rivoluzione



Acquistando i prodotti ufficiali di Forza Nuova contribuisci in prima persona a sostenere la causa Forzanovista.
I nostri prodotti vengono lavorati esclusivamente in Italia.

7 Gennaio: Noi non dimentichiamo.

7 GENNAIO 1978 - 7 GENNAIO 2017

Meningite - Forza Nuova dice le cose come stanno!


«Le continue invasioni provenienti dall'Africa portano con sé, oltre alle sciagure terroristiche e sociali, gravi malattie che mettono in serio pericolo la salute pubblica, salvaguardata dal Codice Penale». Così Forza Nuova mette in guardia sui recenti casi di meningite che si stanno verificando in tutta Italia e dice stop all'accoglienza dei profughi. «L'evidente ricomparsa di malattie debellate da tempo e il silenzio criminale di chi ha responsabilità di governo di fronte alla conclamata origine sub sahariana della meningite, in inquietante espansione negli ultimi tempi, nonostante le ovattate rassicurazioni sanitarie e l'invito doveroso a vaccinarsi, mettono in luce le gravissime conseguenze del continuo incremento degli ingressi sul territorio nazionale di individui provenienti, come è noto, proprio dalle aree di maggiore propagazione epidemiologica del menginococco.

Mentre alcune amministrazioni locali - continuano - si rifiutano di accogliere finti profughi e dimostrano di tenere alle comunità locali, altre si affannano ad accogliere minando oltre che sul piano sociale le proprie comunità anche dal punto di vista sanitario. Bloccare i flussi e avviare una concreta politica di rimpatrio, dopo aver effettuato tutti i controlli sanitari possibili ed individuate le eventuali fonti di contagio, sarebbe, quindi, anche la più efficace profilassi possibile. I politicanti traditori - concludono - uccidono anche così il nostro popolo!».