10 ago 2017

Scoglitti (RG), arrestati immigrati piromani Forza Nuova: "Espulsione immediata!"

Scoglitti (RG), arrestati immigrati piromani
Forza Nuova: "Espulsione immediata!"

Due rumeni residenti nel territorio di Gela, in trasferta presso la discoteca Baia
Dorica, sono stati​ arrestati per incendio doloso e resistenza a pubblico ufficiale dalla polizia di Vittoria.
I due, alle prime ore dell'alba di ieri, sono stati sorpresi, totalmente ubriachi, mentre appiccavano numerosi roghi.
Sull'accaduto è intervenuto il Coordinamento Ibleo di Forza Nuova

"Abbiamo già assistito, proprio qualche giorno fa, ad episodi simili e molto gravi, in cui dei volontari dei Vigili del Fuoco hanno tentanto di disonorare l'altissimo valore del loro Corpo di appartenenza, dando vita a roghi dolosi con in quali cercavano di lucrare un misero supplemento economico; non siamo disposti a tollerare le malefatte degli italiani indegni, figuriamoci se oltre a queste dobbiamo anche sobbarcarci i comportamenti criminali degli immigrati ospiti nel nostro territorio"

"Augurandoci che la giustizia del nostro stato prenda i provvedimenti adeguati alla gravità della faccenda, ribadiamo che l'immigrazione incontrollata, in un paese come il nostro già carico dei problemi generati dalla criminalità locale, è una piaga da debellare".

Forza Nuova Ragusa
Ufficio Stampa

06 ago 2017

C’è una parte della società

C’è una parte della società che non crede che:
“il mondo avrà futuro solo se ci sarà accoglienza nella convivialità delle differenze”, ma invece solo sino a quando avremo modo di coltivare le speranze ed i sogni dei nostri figli.
C’è una parte della società che erge barricate,
 non perché gesti “nati dall’ignoranza e chiusura d’animo”, ma per difendere valori, culture e specificità appartenenti a popoli diversi che vivono su sponde separate.
C’è una parte della società convinta che:
 i “Raggi di sole, i colori della vita il Verde speranza” (potremmo continuare con migliaia di altri nomi fantasiosi) non siano altro che aziende d’affare, collegate o meno a partiti, uomini politici o ancora a Caritas diocesane, associazioni aconfessionali o inter-congregazionaliste, per la gestione immigratoria e che la scelta più proficua per essi sia quella della gestione immigratoria dei minori non accompagnati.
C’è una parte della società che ha compreso che:
dietro il flusso migratorio non vi “il desiderio di costruire un nuovo mondo più giusto e più fraterno” ma l’arricchimento personale dei vari circensi manovratori dei fili dei vari burattini, che per l’appunto, notizie di questi giorni, vedono i cosiddetti “volontari” imbarcati sulle ONG percepire uno stipendio medio superiore ai mille euro.
C’è una parte della società che:
sogna un avvenire più radioso sia per i propri figli, sia per quei giovani, che a parte qualche passeggiate al centro storico, il futuro riserva accattonaggio davanti ai supermercati o ai semafori, di essere utilizzati come manovalanza a basso costo da imprenditori senza scrupoli o peggio ancora dalle mafie locali ed internazionali!



Gianni Cicciarella

liberamente ispirato dal seguente:

«Ci diamo insieme il benvenuto: noi vi accogliamo nella nostra città e nel nostro cuore, anche voi accoglieteci nel vostro cuore e nella vostra storia e vita di giovani». Parole semplici, ma incisive quelle pronunciate da Maurilio Assenza, direttore della Caritas diocesana di Noto, tradotte in francese, inglese e bambara: Modica ha dato così il benvenuto a circa cinquanta ragazzi ospiti di tre nuove comunità per minori stranieri richiedenti non accompagnati: “Raggio di sole”, “Tutti i colori della vita” e “Verde speranza”. L’iniziativa di ieri è stata promossa dalla Caritas diocesana di Noto in un momento in cui, tristemente, si fanno le barricate, in altre parti d’Italia, e purtroppo anche qui in Sicilia, contro l’accoglienza pure di donne e minori. La passeggiata di benvenuto di ieri,
che si è snodata tra il Duomo di San Pietro e piazza Matteotti, nel cuore della città, ha voluto rappresentare un modo diverso di confrontarsi con il tema dell’immigrazione. «L’iniziativa – spiega Assenza – si colloca in una scelta precisa della Caritas diocesana di Noto: dare il primato alla relazione, ai gesti, a ciò che nel tempo cambia mentalità. Diversamente da gesti di rifiuto. Che nascono dall’ignoranza e chiusura d’animo. E noi invece, con Giorgio La Pira, vogliamo cercare e custodire l’anima della città, che è la sua storia di accoglienza dell’ospite». Il direttore della Caritas ha detto ai ragazzi: «Dal cuore dei giovani del mondo e di Modica (rappresentati dagli animatori del Grest Crisci ranni) potrà, anzi dovrà nascere un mondo altro, più giusto e più fraterno. Vi accoglie una città che può essere definita frontale, perché nella parte storica è come se le case si guardassero… e questo fa sentire meno soli. Passeggiando per la città guarderemo i monumenti ma soprattutto ci guarderemo negli occhi: a dirci che vogliamo incontrarci, camminare insieme come amici». Molto bella la presenza di tanti animatori del Grest Crisci ranni, che insieme ad alcuni adulti e ai volontari, hanno accompagnato i minori in questa passeggiata di benvenuto che si è conclusa con un momento di fraternità. Importante la presenza della comunità missionaria intercongregazionale venuta a Modica per aiutare a costruire ponti con chi viene dal mondo. «Fa pensare: una volta i missionari andavano nel mondo, per fare da ponte; oggi – spiega Maurilio Assenza – continuano a fare da ponte accogliendo il mondo che viene da noi. Non solo per soccorrere, ma per condividere valori e sogni. Perché gli immigrati non sono solo emergenza, bisogni, richiesta di aiuto. Sono portatori di speranza, sono portatori di sapienza che ci arricchisce. Sono il nostro futuro, perché il mondo avrà futuro solo se ci sarà accoglienza nella convivialità delle differenze».



03 ago 2017

Pozzallo, grano al glifosfate al porto. Forza Nuova: "Controlli inesistenti, salute degli italiani svenduta per interessi economici"

È di pochi mesi fa la lettera indirizzata al Corriere della Sera nella quale il ministro Calenda si schiera in difesa del CETA. Nella lettera il ministro confuta la possibilità che con tale trattato possano essere più facilmente importati in Europa prodotti OGM o alimenti con prodotti chimici.
Eppure a Pozzallo è arrivato grano trattato con il glifosfato, senza che le autorità abbiano compiuto i dovuti controlli.
Il grano canadese, contenente tale agente cancerogeno, è stato scaricato al porto il 27 luglio.
Sull'episodio ritenuto molto grave, interviene duramente il Coordinamento Ibleo di Forza Nuova.

"Ci siamo costruiti una società in cui onoriamo la servitù e dimentichiamo i doni sacri che ci sono stati concessi;
compiamo sforzi enormi  per produrre e  poter vendere sempre di più senza pensare al futuro e alle generazioni che verranno dopo, senza  buon senso, senza quella responsabilità che ogni contadino ha nei confronti della salute della comunità per la quale produce.
Con il glifosfato uccidono la terra, i suoi frutti, i nostri figli.
Tutto ciò esclusivamente per incrementare la produzione e la vendita del prodotto.
"La cultura della morte ancora prevale sul buon senso e sulla vita.
"L'Italia è stata venduta agli interessi delle forze antinazionali, e Pozzallo, oltre ad essere porta di accesso per l'immigrazione clandestina con le navi ONG che trasportano "merce umana", adesso è anche porto di arrivo di grano modificato geneticamente ed altamente dannoso.
"La salute ed i bisogni degli italiani vengono prima d'ogni cosa: affronteremo duramente questo sistema che ha totalmente abbandonato il bene della nostra nazione".

Forza Nuova Ragusa
Ufficio Stampa

19 lug 2017

"25 anni e non si sa chi è Stato", da Forza Nuova dure accuse su strage via D’Amelio ed onore a #PAOLOBORSELLINO



"25 anni e non si sa chi è Stato", da Forza Nuova dure accuse su strage via D’Amelio ed onore a #PAOLOBORSELLINO

Affissioni a Palermo, Catania, Ragusa, Caltanissetta, Barrafranca, Caltagirone e Scicli

“25 anni di depistaggi, come ha confermato la recentissima sentenza del processo di revisione, hanno caratterizzato le indagini e svelato, quanto meno, l’inadeguatezza di troppi magistrati – afferma Giuseppe Bonanno Conti, dirigente nazionale di Forza Nuova – confermando le modalità straordinarie di quella che appare sempre più come una delle tante stragi di Stato italiane”.

“Di depistaggi è piena la storia di tutte le stragi – aggiunge il vicesegretario nazionale e responsabile siciliano del Movimento, Giuseppe Provenzale – sia quando il braccio armato è cosa nostra che quando l’organizzazione criminale è, invece, estranea ai massacri. Su via D’Amelio, la nostra convinzione è che anche la cosiddetta “trattativa Stato-Mafia” si rivelerà essere un ennesimo depistaggio, il più eclatante, utile a seppellire, con le vittime, responsabilità e relazioni permanenti e inconfessabili su cui si reggono anche gli attuali equilibri di potere.
La stagione delle bombe sembra conclusa, cosa nostra appare in difficoltà, ma la vera cupola - formata da massonerie, finanza, Servizi, politica, mafie, antimafie e caste varie, parte della magistratura compresa – gestisce ancora saldamente i gangli del potere e nulla emerge sulle stragi che hanno insanguinato l’Italia, c’è solo qualche colpevole di comodo”.
"Anche in occasione di questo venticinquesimo anniversario, rinnoviamo il nostro atto d'accusa - conclude Bonanno Conti - rendiamo i dovuti onori a Borsellino e alle altre vittime della strage via D’Amelio, confermando la nostra convinzione che le stragi servirono al sistema per auto stabilizzarsi, gestire a più mani i grandi appalti e la crisi - fonte di grandi guadagni per gli speculatori finanziari - che proprio in quella fase storica veniva decisa a bordo del Britannia”.

Forza Nuova Sicilia
Ufficio stampa

15 lug 2017

Blitz nazionale di Forza Nuova contro le sedi del Partito Democratico





Militanti forzanovisti impegnati in tutta Italia nell'affissione di cartelli sul modello del classico VENDESI riportanti il messaggio: VENDUTI: A SOROS, DE BENEDETTI ED A TUTTI I TRADITORI DELLA PATRIA;.

La nostra azione - spiega Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova – esprime senza mezzi termini la ferma condanna dell’operato del principale partito di governo, colpevole di aver compiuto passi avanti determinanti nella consegna dell’Italia a quei poteri forti che travalicano gli interessi del nostro popolo.

"Gli ultimi capitoli della saga dell'accoglienza lo hanno ampiamente dimostrato: intento di destabilizzare l’Italia, messo in atto da personaggi come Soros, trova proprio in questo PD - e nel suo primo tesserato De Benedetti, vero Soros italiano, ma con residenza svizzera - il primo attore protagonista, grazie al supporto costante che il suo governo dà alle navi "negriere" gestite dalle ONG. Per tale motivo, paradossalmente, il messaggio europeo di non voler cedere all’ormai nota richiesta italiana di una maggiore ed esclusiva accoglienza, andrebbe cavalcato proprio dalle forze rivoluzionarie anti-sistema, come Forza Nuova."

Se già - prosegue Fiore - Italia a guida Renzi era priva di credibilità, ora con il prestanome Gentiloni è stato superato il limite del ridicolo: assistiamo ad un ex presidente del consiglio che, dopo aver strenuamente sostenuto invasione e la legge sullo Ius Soli, tenta una rocambolesca marcia indietro in salsa (quasi)
forzanovista, azzardando un ipotetico numero chiuso sui nuovi ingressi di clandestini, quasi a voler correggere il tiro dopo le rivelazioni della Bonino e del ministro Mauro, ma, di fatto, facendo da suggeritore non sincronizzato all’attuale Governo”.

Ma come ultima arma di distrazione di massa - conclude – forse suggerita dai veri padroni d’Italia che attacchiamo attraverso il PD, ecco la proposta di legge a marchio Fiano, sempre utile per rimettere un’inesistente trama nera al centro dell'attenzione, spostandola così dalle vere trame ordite da autentici traditori della Patria a danno di tutti gli italiani, trame su cui non smetteremo di vigilare e denunciare, come fatto proprio contro Soros recentemente.

05 lug 2017

Solidarietà Nazionale:Distribuzione pacchi alimentari

Vi è una Solidarietà senza compromessi e senza compensi,
del tutto gratuita e vera.

Oggi dalle 17:00 alle 18:00 presso la sede prov. di FN Ragusa
gli operatori di Solidarietà Nazionale 
consegneranno a Famiglie Italiane bisognose e spesso dimenticate dallo stato,
pacchi alimentari dei generi raccolti dalla generosità di altri connazionali.


Per info: 320.4816440