02/set/2014

Scicli A rischio la salute dei cittadini? Forza Nuova e Rivoluziona Scicli chiedono chiarimenti

http://www.novetv.com/wordpress/wp-content/uploads/2014/09/forza-nuova.jpgIl Movimento Rivoluziona Scicli e Forza Nuova apprende che vi sono gravissime responsabilità  sulla conduzione dello smaltimento dei rifiuti, non solo per la parte che riguarda la  ditta Busso che detiene la convenzione per la raccolta ed il conferimento in discarica  ma anche  da omessi controlli alla stessa da parte dell’ufficio comunale Servizi all’ecologia.
Sappiamo che – scrivono in un documento i responsabili del Movimento Cittadino Rivoluziona Scicli\ Coordinamento Provinciale Forza Nuoval’Inquinamento del suolo cambia la composizione del terreno e crea un ambiente terreno patogeno, che porta alla diffusione di malattie  come il cancro, leucemie ed anemie
se nel terreno vi è contaminazione da piombo è stato dimostrato che potrebbe  causare problemi di sviluppo del cervello e neuromuscolare dei bambini
l’inquinamento del suolo è strettamente legato  all’inquinamento dell’acqua , perché quando il terreno è contaminato, provoca il rilascio in acque superficiali e sotterranee, che provocano una contaminazione dell’acqua potabile e un focolaio di malattie trasmesse dalla stessa ,chiaramente la presenza  di liquami che si  può mescolare con terreno attraverso la pioggia possono infiltrarsi nel sistema idrico ed arrivare a noi  attraverso l’acqua che beviamo  e con cui ci laviamo creando anche malattie dermatologiche .
<<… questa vicenda  - si legge infine nella nota stampa congiunta – non e’ altro che l’ennesima prova, se ce ne fosse stato bisogno di averla, che sia l’attuale classe politica-amministrativa che gli organi governativi hanno interessi differenti da quello che rincorre un movimento come quello forzanovista  che antepone a qualsiasi altro interesse quello della salvaguardia della natura e dell’ambiente, elemento principe in cui ogni essere vivente sviluppa la propria esistenza !>>.
 Per tale motivo, come esponenti politici e voce libera dei cittadini chiediamo l’intervento della Procura della Repubblica di Ragusa e della Prefettura  affinchè  si faccia  immediata chiarezza sulla vicenda nonché l’intervento della  Commissione Provinciale Territorio ed Ambiente al fine di accertare eventuali rischi per la salute dei cittadini Sciclitani

17/ago/2014

Fornace Penna: "Azione Antifa"

La stupidità umana e l'infamia scorrono lungo i binari del tempo da quando l'uomo ha fatto la propria comparsa in questo mondo. A ferragosto i villeggianti ed i turisti accorsi da ogni dove per ammirare le bellezze delle coste iblee ed in particolare la celebre “Fornace Penna” di punta Pisciotto, celebre grazie alla serie televisiva del “Commissario Montalbano” hanno potuto constatare con i propri occhi quanto sia veritiera l'affermazione di cui sopra. Le azioni celeberrime di certuni e di coloro che han ispirato si rincorrono nel tempo e nella memoria, così come un vecchio detto insegna: “Si sapia pe leggi antica ca nessuna pianta rara capitau mu faci fica se non era na ficara. “



02/ago/2014

Niente di nuovo sotto il nostro sole! * rassegna stampa

Pozzallo, tensione al Centro di prima accoglienza. In 50 tentano la fuga

Distrutti i vetri delle finestre. Quaranta egiziani portati all'aeroporto di Comiso per essere trasferiti in patria
POZZALLO – Hanno tentato di scappare distruggendo i vetri delle finestre del centro di prima accoglienza di Pozzallo, dove erano ospiti da giovedì sera. Una notte movimentata per polizia e personale del Cpa che sono riusciti a fermare la fuga di circa cinquanta migranti egiziani. Quaranta di loro si trovano in questo momento all’aeroporto di Comiso in attesa di un volo che li riporti in patria. La polizia italiana si sta accordando con quella egiziana per il loro rimpatrio.

Notizia completa: 
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/08/02/news/pozzallo_tensione_al_centro_di_prima_accoglianza_in_50_tentano_la_fuga-92988614/

Giungono a Pozzallo 351 migranti: tra loro anche un neonato
Arrivati a Pozzallo 351 migranti. Sono giunti a bordo della nave mercantile "Bonita". Tra loro anche un neonato e sei donne, provenienti dal Bangladesh e dalla Siria.

Notizia completa:
http://www.hercole.it/index.php?option=com_content&task=view&id=48565&Itemid=111

Ragusa. Nei guai 3 poliziotti della Questura. Presunte irregolarità nel rilascio di permessi di soggiorno a immigrati

Tre agenti di polizia, da anni in servizio presso l’ufficio Immigrazione della questura del capoluogo, sono indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In tal senso recita l’avviso di garanzia notificato ai tre poliziotti. A far scattare le indagini che la procura di Ragusa ha delegato ai colleghi degli indagati, ossia gli agenti della squadra mobile, sarebbe stato un esposto presentato da uno o più extracomunitari (tra cui una donna tunisina) che non avrebbero ottenuto o avrebbero visto rallentato l’iter per il rinnovo o la concessione del permesso di soggiorno, pur presentando, secondo la loro denuncia, requisiti e condizioni analoghe a quelli di altri connazionali che, invece, avrebbero ottenuto l’avallo alle loro istanze.
Secondo l’ipotesi accusatoria, insomma, i tre poliziotti, ciascuno nell’ambito del proprio ruolo ed in riferimento alle funzioni d’ufficio, avrebbero favorito alcuni extracomunitari, penalizzando invece altri stranieri. I primi riscontri delle risultanze investigative, su cui vige ovviamente il massimo riserbo, avrebbero escluso comportamenti particolarmente gravi da parte degli indagati, ossia la richiesta o riscossione di contropartite finanziarie per agevolare l’iter delle pratiche. Nessuna anomalia, in particolare, sarebbe emersa dagli accertamenti patrimoniali e sul tenore di vita degli indagati. Piuttosto, secondo illazioni, qualche discrasia riguarderebbe la cronologia e la priorità delle pratiche istruite, specie in riferimento ai diversi patronati o legali che supportano le istanze degli extracomunitari.
Notizia completa:
http://www.radiortm.it/2014/08/02/ragusa-guai-3-poliziotti-questura-presunte-irregolarita-nel-rilascio-permessi-soggiorno-immigrati/

23/lug/2014

La posizione di Forza Nuova sul conflitto in Medio Oriente

D- Perché Forza Nuova ha preso posizione sul conflitto in corso in Medio Oriente? R- Chi ritiene il conflitto in Medio Oriente un fatto irrilevante e che riguarda popoli e religioni a noi lontani, non apprezza il fatto che 1) le guerre e i terrorismi non rimangono mai circoscritti, ma finiscono per toccare le nostre vite in modo drammatico 2) l'aumento del prezzo del petrolio e la potenziale esplosione di una crisi di rifugiati sono conseguenze immediate e sempre presenti in questi eventi. D- L'Europa, anche in questo caso, si è dimostrata un nano politico. Come giudica il suo comportamento? R- Il fatto che l'Europa abbia passato la mano agli USA, e non abbia voce in capitolo nella questione palestinese, finisce per ridurre le complesse problematiche dell'intera area mediorientale ad una dinamica Israele contro islam. D- Qual è la posizione ufficiale di Forza Nuova? R- Forza Nuova ha una posizione politica consolidata, nel solco di una tradizione ideologica nazionalpopolare, che definisce il sionismo come un grave errore politico ed ideologico, capace di creare vero razzismo, terrorismo e guerra, non solo in ambito mediorientale, ma in tutto il mondo. Non è accettabile che lo "Stato ebraico" fondi se stesso sulla superiorità giuridica e religiosa di una razza, confinando tutti gli altri popoli al ruolo di cittadini di seconda classe, e quindi senza diritti, e che già nella sua bandiera abbia l' immagine folle di una grande Israele che va dal Mar Rosso al Tigri. È un dato di fatto che il terrorismo islamico fondamentalista, che in questo momento trova massima espressione nel califfato, e il terrore israeliano (che si manifesta non solo con le stragi che stiamo vedendo in questi giorni, ma anche con le"false flag operations") sono il risultato di una situazione sempre più grave che può trovare soluzione solamente in una proposta radicale. D- Cosa propone Forza Nuova? R- Come avvenuto nel 2006, quando gli eserciti europei si sono interposti tra libanesi ed israeliani in una riuscitissima operazione di peace keeping, che in 8 anni non ha visto un morto né da una parte né dall'altra, così deve avvenire anche oggi tra Israele e Palestina, perché non può essere che uno Stato armato fino ai denti e con mezzi enormemente superiori possa distruggere quando vuole tutto ciò che vuole. FN immagina una Palestina confederata dove drusi, palestinesi, ebrei ed altre popolazioni abbiano il loro spazio cantonale di autogoverno in una confederazione dove non esistano superiorità di razza e terre promesse. Inoltre, è fondamentale capire che più l'Europa sarà estranea, più scompariranno le realtà cristiane nel Medio Oriente arabo, che fino ad oggi hanno rappresentato equilibrio e civiltà garantendo la pace in una situazione di permanente scontro tra sciiti, sunniti ed ebrei. Più noi saremo lontani, come popoli cristiani, dalle questioni legate alla Palestina e più cresceranno fondamentalismo islamico e arroganza israeliana. D- Quale ruolo può esercitare la Russia? R- È un dato geopolitico che il mondo arabo sia naturalmente e storicamente vicino all'Europa e alla Russia. Quando l'Europa e la Russia hanno controllato la politica mediorientale hanno impedito i flussi migratori verso l' Europa, hanno rafforzato il rispetto e la consistenza numerica delle comunità cristiane e hanno mantenuto un livello di relativa stabilità in una terra comunque centrale nei giochi della politica mondiale. D- Cosa vuole dire ai giovani di Forza Nuova che in queste ore stanno manifestando in tutta Italia? R- Gli attivisti di FN che si battono per la liberazione della Palestina asseriscono delle verità incontrovertibili e rivendicano, appunto, come tanti altri militanti nazionalpopolari europei, un ruolo per l'Italia e per l'Europa al fine di mantenere ordine e pace nel Medio Oriente e in tutto il bacino del Mediterraneo.

11/lug/2014

Pozzallo, pasti per immigrati nella spazzatura, Provenzale (FN): "E' razzismo contro gli italiani bisognosi"

"Apprendere che, oltre a carenze organizzative del Cpsa di Pozzallo, quanto accaduto dipenda dal 'rispetto per i gusti e le abitudini alimentari' degli immigrati indigna ancora di più: è razzismo contro i tantissimi italiani bisognosi", si legge in una nota del neo vicesegretario nazionale di Forza Nuova, Giuseppe Provenzale.
"Gli italiani che Forza Nuova assiste in tutta Italia ormai da mesi, grazie al progetto "Solidarietà Nazionale", hanno la gratitudine negli sguardi quando ricevono i nostri aiuti e non osano certo parlare ai nostri volontari delle proprie 'abitudini alimentari'; l'Italia è alla fame e non è tollerabile che ben 15 euro per ogni pasto, pagati interamente con i nostri soldi e che si aggiungono agli altri 35 che spendiamo per gli "ospiti", vengano gettati nella spazzatura senza nessun rispetto per i tanti italiani in difficoltà. Al danno di una crisi strutturale senza via d'uscita si aggiunge la beffa di vedere che le poche risorse disponibili, dai "taxi" di Mare Nostrum alle sigarette dopo il caffè, sono impiegate per aiutare tutti i disperati dell'Africa ad invadere il nostro territorio". 
"Ricordo al sindaco Ammatuna quanto gli dissi qualche mese fa negli studi di VideoRegione sull'abolizione del reato di clandestinità e sul business dell'accoglienza - conclude l'esponente di Forza Nuova - e auspico che anche lui, pronto a prendere le distanze dal nostro corteo dello scorso novembre, come stanno facendo altri primi cittadini, assuma ora posizioni ferme contro la chiara volontà di condannare l'isola a vivere di economia parassitaria legata all'immigrazione. Forza Nuova fa sempre la sua parte, con l'azione quotidiana di sostegno alle famiglie italiane e con la protesta, Lampedusa, Pozzallo, Mineo, Catania hanno già visto la nostra presenza in piazza, e continuerà a farla; è necessario, però, che tutti gli amministratori locali smettano di essere sindaci degli immigrati e di chi guadagna su di loro".

05/lug/2014

CROCETTA E', OGNI GIORNO DI PIU', IL PRIMO NEMICO DEI SICILIANI E IL PUPO DEI POTERI FORTI

Il rivoluzionario di cartone usa l'autonomia per condurre l'isola al suicidio assistito

PUPO DI BANCHE E PETROLIERI
E' il nemico dei nostri interessi economici: ci indebita per un miliardo con le banche, Irpef e Irap maggiorate per i prossimi trent’anni, facendo nello stesso tempo sconti alle lobby dei petrolieri sulle tasse che versano alla Regione per l'estrazione, permettendogli, per di più, di trivellare impunemente il Canale di Sicilia. 

PUPO DEL PUPO RENZI
Rinuncia fino al 2017 ad incassare quanto spetterebbe alla Regione dai contenziosi con lo Stato, sottraendo ulteriori, ingenti risorse ad un'isola già alla fame dai tempi di Cuffaro e Lombardo. 

PUPO DEGLI AMERICANI
E' il nemico della nostra libertà e della nostra salute: il voltafaccia sul MUOS di Niscemi è la prova della sua sudditanza agli interessi coloniali e assassini degli Stati Uniti d'America".

PUPO DELLE LOBBY GAY
E' il nemico delle nostre tradizioni e della famiglia naturale: insiste sui privilegi alle coppie gay, lui che è un omosessuale dichiarato, sempre in prima fila nei disgustosi gay pride, curandosi degli interessi particolari di una piccolissima parte dei siciliani.

PUPO DELL'ANTIMAFIA PAROLAIA
Vede mafiosi ovunque, solo tra i poveri cristi contro cui si accanisce istericamente con vere e proprie persecuzioni personali, ma governa grazie al sostegno di uomini e partiti (dal PD a Forza Italia) che da sempre hanno usato il potere per i loro sporchi interessi.

Forza Nuova, che da tempo denuncia il tradimento di questo #RivoluzionarioDiCartone, con una serie di iniziative che culminarono nel presidio del 15 marzo a Palermo, torna a chiedere le sue immediate dimissioni e lo scioglimento dell'ARS (complice della svendita della Sicilia e del suo Statuto, la cui applicazione permetterebbe all'isola, proprio in tempi di fiscal compact, di arginare gli effetti di una crisi manovrata dai padroni di Crocetta) e auspica la creazione di un blocco popolare d'opposizione che possa far risorgere la speranza in questa terra martoriata.

Forza Nuova, segreteria regionale siciliana
Ufficio stampa, 340/7940989