16 set 2017

FRONTE DEI SICILIANI: Sostieni!


Adunata Forzanovista . Lunedì 18/09/2017

Lunedì 18 Settembre 2017


VI ASPETTIAMO LUNEDÌ 18 SETTEMBRE ALLE 21, ADERISCI!

Lunedì 18 Settembre alle ore 21:00 , presso la nostra sede di Vico Giorgio Almirante a Modica, si svolgerà la riunione generale mensile di Forza Nuova aperta anche ai Simpatizzanti ed a coloro che volessero avvicinarsi per conoscere più da vicino il nostro movimento.

Verranno presentate le nuove iniziative militanti previste per il mese di Settembre 2017 e sarà possibile tesserarsi e aderire a Forza Nuova anche come simpatizzanti o sostenitori per l'anno 2017.


Vi aspettiamo, è il momento di LOTTARE!


01 set 2017

Musumeci, Micciché e Cuffaro sono il passato, c'è spazio per forze rivoluzionarie.




Musumeci, Micciché e Cuffaro sono il passato, c'è spazio per forze rivoluzionarie.

2/3 settembre, Forza Nuova propone alternativa, incontri a Catania
Visto, da sinistra a destra, il quadro assai squallido e deludente delle candidature e dei relativi, probabili, vuoti programmi e non individuando nel campionario partitocratico attuale la possibilità di rappresentare in alcun modo né i veri interessi dei siciliani né le coincidenti istanze nazionalpopolari e patriottiche, che in alcun modo possono prescindere dal contrasto radicale sia all'invasione immigratoria - da troppo tempo in atto - che alla sua trasformazione in lucroso business per mafie, coop, associazioni e partiti del sistema né, tanto meno, da un' altrettanto radicale inversione di rotta nella direzione di un'autentica autonomia che tenga conto delle possibilità offerte dallo Statuto (in primo luogo la creazione di una moneta regionale complementare) e dal corretto utilizzo delle ingenti risorse naturali e storico-artistiche, in grado di offrire alla Sicilia lavoro per i suoi giovani e autosufficienza economica;
LA SEGRETERIA REGIONALE DI FORZA NUOVA RENDE NOTO l'avvio di incontri con altri soggetti politici per attuare le necessarie alternative programmatiche ed elettorali.
- I siciliani che da anni disertano le urne attendono un segnale chiaro, in totale controtendenza rispetto ad un passato di immobilismo e precisa volontà di fare dell'isola un grande centro di accoglienza per falsi profughi, essendo commissariata di fatto da governi commissariati a loro volta da Bruxelles.
- La Sicilia vuole sicurezza e provvedimenti seri a contrasto di criminalità e massonerie che, invece, le impongono un ruolo da eterna colonia senza prospettive per i suoi giovani.
- I siciliani chiedono garanzie precise per la famiglia naturale, contro ogni deriva gender e omosessualista
I dirigenti forzanovisti saranno a Catania dal 2 al 3 settembre per lavorare al progetto di un fronte comune contro la partitocrazia e per la rinascita della Sicilia.


Forza Nuova Sicilia
Segreteria regionale 
sicilia@forzanuova.info
346 0473637 - 340 7940989

Le istituzioni ... devastanti!

"I migranti oggi sono l'elemento umano, l'avanguardia di questa globalizzazione e ci offrono uno stile di vita che presto sarà molto diffuso per tutti noi" (cit. Laura Boldrini)

È "devastante" averla come presidente della Camera e "agghiacciante" sentire le sue becere opinioni riferite agli italiani e corpose e difensive opinioni riferite ai migranti.è Diarrea verbale che crea odio razziale nei confronti degli italiani.
Afferma che il linguaggio usato nei confronti suoi e riguardo lo stupro di Rimini  e da Teatro di guerra?
Siamo in guerra,civile, ma guerra. Siamo in guerra perchè gli italiani sono costretti giornalmente a difendersi da sè nei quartieri, sotto casa, nelle piazze, per le vie delle città dalla violenza spicciola e gratuita da parte degli immigrati. Gli italiani sono anche aiutati da altri popoli europei per la salvaguardia del popolo e della Terra(ad esempio polacchi e russi vengono in soccorso nostro a Rimini).
Siamo in guerra quando i clandestini, ovvero persone che non hanno alcun diritto di stare sul nostro amato Paese, protestano contro gli sfratti coatti attuati dalle forze dell'ordine per aver occupato un edificio che a loro non appartiene per diritto naturale.  Clandestini che con violentissime cariche contro le forze dell'ordine, che con un colpo di mano voi riportate alla vostra guardia, affinchè  il caos continui a regnare nella società e l'ordine vada a farsi benedire.
Siamo in guerra quando, quasi giornalmente, avvengono stupri etnici da parte di clandestini a scapito di donne europee ed italiane.
Siamo in guerra da quando subiamo, e  da tanto tempo, le angherie e le violenze di clandestini che dovrebbero essere semplicemente rispediti sul suolo natio e ai quali, invece, paghiamo vitto, alloggio e schede telefoniche e non contribuiscono di certo a pagare le nostre pensioni. Non lavorano. Bivaccano. Spacciano. Creano caos per le strade. Si denudano. Molestano. Violentano. DELINQUONO.
I motivi per cui siamo in una guerra silenziosa e velenosa, che striscia come un serpente per tutti gli angoli e i quartieri di questa Italia martoriata da questi invasori violenti, sono tanti e sono sotto gli occhi di tutti. I fatti di cronaca parlano chiaro e la diarrea verbale (forse anche mia)lascia il tempo che trova.
Abbiamo toccato il fondo Boldry! È vero. Grazie a te e ai tuoi compari.
Chiudiamo le frontiere e rimpatriamo.
Non abbiamo bisogno di zavorre clandestine, abbiamo necessità di lavoro e di uno Stato Sociale, magari e sopra tutto di Mussoliniana memoria.
Qualsiasi tipi di risorsa noi italiani le abbiamo, non abbiamo necessità di Clandestini e di Caos
No ius soli.
Stop immigrazione.
Ordine contro il caos

Alessia Maria Arrabito

10 ago 2017

Scoglitti (RG), arrestati immigrati piromani Forza Nuova: "Espulsione immediata!"

Scoglitti (RG), arrestati immigrati piromani
Forza Nuova: "Espulsione immediata!"

Due rumeni residenti nel territorio di Gela, in trasferta presso la discoteca Baia
Dorica, sono stati​ arrestati per incendio doloso e resistenza a pubblico ufficiale dalla polizia di Vittoria.
I due, alle prime ore dell'alba di ieri, sono stati sorpresi, totalmente ubriachi, mentre appiccavano numerosi roghi.
Sull'accaduto è intervenuto il Coordinamento Ibleo di Forza Nuova

"Abbiamo già assistito, proprio qualche giorno fa, ad episodi simili e molto gravi, in cui dei volontari dei Vigili del Fuoco hanno tentanto di disonorare l'altissimo valore del loro Corpo di appartenenza, dando vita a roghi dolosi con in quali cercavano di lucrare un misero supplemento economico; non siamo disposti a tollerare le malefatte degli italiani indegni, figuriamoci se oltre a queste dobbiamo anche sobbarcarci i comportamenti criminali degli immigrati ospiti nel nostro territorio"

"Augurandoci che la giustizia del nostro stato prenda i provvedimenti adeguati alla gravità della faccenda, ribadiamo che l'immigrazione incontrollata, in un paese come il nostro già carico dei problemi generati dalla criminalità locale, è una piaga da debellare".

Forza Nuova Ragusa
Ufficio Stampa

06 ago 2017

C’è una parte della società

C’è una parte della società che non crede che:
“il mondo avrà futuro solo se ci sarà accoglienza nella convivialità delle differenze”, ma invece solo sino a quando avremo modo di coltivare le speranze ed i sogni dei nostri figli.
C’è una parte della società che erge barricate,
 non perché gesti “nati dall’ignoranza e chiusura d’animo”, ma per difendere valori, culture e specificità appartenenti a popoli diversi che vivono su sponde separate.
C’è una parte della società convinta che:
 i “Raggi di sole, i colori della vita il Verde speranza” (potremmo continuare con migliaia di altri nomi fantasiosi) non siano altro che aziende d’affare, collegate o meno a partiti, uomini politici o ancora a Caritas diocesane, associazioni aconfessionali o inter-congregazionaliste, per la gestione immigratoria e che la scelta più proficua per essi sia quella della gestione immigratoria dei minori non accompagnati.
C’è una parte della società che ha compreso che:
dietro il flusso migratorio non vi “il desiderio di costruire un nuovo mondo più giusto e più fraterno” ma l’arricchimento personale dei vari circensi manovratori dei fili dei vari burattini, che per l’appunto, notizie di questi giorni, vedono i cosiddetti “volontari” imbarcati sulle ONG percepire uno stipendio medio superiore ai mille euro.
C’è una parte della società che:
sogna un avvenire più radioso sia per i propri figli, sia per quei giovani, che a parte qualche passeggiate al centro storico, il futuro riserva accattonaggio davanti ai supermercati o ai semafori, di essere utilizzati come manovalanza a basso costo da imprenditori senza scrupoli o peggio ancora dalle mafie locali ed internazionali!



Gianni Cicciarella

liberamente ispirato dal seguente:

«Ci diamo insieme il benvenuto: noi vi accogliamo nella nostra città e nel nostro cuore, anche voi accoglieteci nel vostro cuore e nella vostra storia e vita di giovani». Parole semplici, ma incisive quelle pronunciate da Maurilio Assenza, direttore della Caritas diocesana di Noto, tradotte in francese, inglese e bambara: Modica ha dato così il benvenuto a circa cinquanta ragazzi ospiti di tre nuove comunità per minori stranieri richiedenti non accompagnati: “Raggio di sole”, “Tutti i colori della vita” e “Verde speranza”. L’iniziativa di ieri è stata promossa dalla Caritas diocesana di Noto in un momento in cui, tristemente, si fanno le barricate, in altre parti d’Italia, e purtroppo anche qui in Sicilia, contro l’accoglienza pure di donne e minori. La passeggiata di benvenuto di ieri,
che si è snodata tra il Duomo di San Pietro e piazza Matteotti, nel cuore della città, ha voluto rappresentare un modo diverso di confrontarsi con il tema dell’immigrazione. «L’iniziativa – spiega Assenza – si colloca in una scelta precisa della Caritas diocesana di Noto: dare il primato alla relazione, ai gesti, a ciò che nel tempo cambia mentalità. Diversamente da gesti di rifiuto. Che nascono dall’ignoranza e chiusura d’animo. E noi invece, con Giorgio La Pira, vogliamo cercare e custodire l’anima della città, che è la sua storia di accoglienza dell’ospite». Il direttore della Caritas ha detto ai ragazzi: «Dal cuore dei giovani del mondo e di Modica (rappresentati dagli animatori del Grest Crisci ranni) potrà, anzi dovrà nascere un mondo altro, più giusto e più fraterno. Vi accoglie una città che può essere definita frontale, perché nella parte storica è come se le case si guardassero… e questo fa sentire meno soli. Passeggiando per la città guarderemo i monumenti ma soprattutto ci guarderemo negli occhi: a dirci che vogliamo incontrarci, camminare insieme come amici». Molto bella la presenza di tanti animatori del Grest Crisci ranni, che insieme ad alcuni adulti e ai volontari, hanno accompagnato i minori in questa passeggiata di benvenuto che si è conclusa con un momento di fraternità. Importante la presenza della comunità missionaria intercongregazionale venuta a Modica per aiutare a costruire ponti con chi viene dal mondo. «Fa pensare: una volta i missionari andavano nel mondo, per fare da ponte; oggi – spiega Maurilio Assenza – continuano a fare da ponte accogliendo il mondo che viene da noi. Non solo per soccorrere, ma per condividere valori e sogni. Perché gli immigrati non sono solo emergenza, bisogni, richiesta di aiuto. Sono portatori di speranza, sono portatori di sapienza che ci arricchisce. Sono il nostro futuro, perché il mondo avrà futuro solo se ci sarà accoglienza nella convivialità delle differenze».