16 mag 2015

Modica:un giovane di 19 anni pestato a sangue .


Abbiamo appreso dai famigliari di un giovane diciannovenne Ragusano del grave episodio avvenuto qualche giorno fa proprio nel centro storico di Modica 
Il ragazzo si trovava all'interno di un pub quando per futili motivi è stato aggredito da tre persone di origine africana; a scatenare la furia dei tre immigrati "ubriachi" pare sia stato il chiedere di spostarsi ad uno di loro, per tutta risposta sono stati sferrati al diciannovenne calci e pugni tali da procurargli fratture varie, ematomi e danni permanenti alla clavicola .
Il ragazzo che si trova tutt'ora ricoverato in ospedale si trovava in provincia di Ragusa per trascorrere qualche giorno a casa con la madre prima dell'inizio della stagione estiva e lavorativa, infatti sarebbe presto dovuto tornare a Malta ove lavorava con il padre e dove, a causa dei gravi danni subiti dopo l'aggressione, non potrà fare ritorno.
"Continuare ad assistere a questi episodi delinquenziali, ormai abituali, è davvero insopportabile: scippi, violenze, furti, bancarelle selvagge, gli immigrati non rispettano nè le leggi nè la civile convivenza: è arrivata l'ora di scendere in piazza e riprendere in mano il futuro delle nostre città.
Forza Nuova inizierà un tour nei Comuni Iblei, iniziando da Pozzallo ove il 13 Giugno 2015 Roberto Fiore, Segretario Nazionale del Movimento, terrà un Comizio in Piazza delle Rimenbranze", la nota diramata da Maria Borgia, coordinatore provinciale di FN Ragusa, continua: "è chiaro che se chi sta al governo e chi deve tutelare la sicurezza non lo fà, i cittadini hanno il diritto di protestare per chiedere più sicurezza e maggior controllo ovunque, ma in particolar modo nei centri storici, che dovrebbero essere riservati al turismo costruttivo e non all'immigrazione devastante" 
Maria Borgia  
Forza Nuova Coordinamento Ibleo

05 mag 2015

Crocetta a Scicli, in Chiesa ... e la Comunione?

Si apprende dai mass media che:
""Visita a sorpresa del presidente della Regione, Rosario Crocetta ieri pomeriggio a Scicli. Crocetta, dopo essere stato a messa nella Chiesa Madre di Sant’Ignazio, accompagnato  dai dirigenti  provinciali e locali del Megafono, ha passeggiato per le vie cittadine e, in una intervista rilasciata a RagusaNews, ha parlato dello scioglimento del consiglio per mafia come di una necessità. ""
Sappiamo per certo, per le dichiarazioni pubbliche rilasciate, ed ovviamente non per "altre vie", che il Presidente della Regione Sicilia è dedito alla sodomia.
Il buon Parroco, Don Fidone, ha avuto il buon senso di non creare scandalo durante la celebrazione eucaristica, evitanto di distribuire la Santa Eucarestia ad un pubblico peccatore? Il Vicario Foraneo di Scicli, Don La China, ha vigilato affinchè venissero rispettate le più elementari norme canoniche in riferimento alle disposizioni della Redemptionis Sacramentum così come riportato negli artt. 80/81/82/83/84 ed ancora 91?

04 mag 2015

Una ferocia bestiale, quale integrazione per (in)civiltà solita alla violenza?


È risaputo, certe civiltà  hanno tra le loro leggi e la quotidianità l’uso della violenza; sono quei popoli che praticano atrocità ai propri figli  come l’infibulazione, uccidono chi è diverso gettandolo giù da un palazzo, che lapidano chi adultero e che vietano alle loro donne ogni diritto ed infine usano lo stupro come strumento di guerra.
Oggi come ieri orrori ed assurdità sono perpetrati dai popoli di quel terzo mondo che non accenna al progresso culturale ma si arretra sempre più in nome di religiosità e barbarie perpetrate senza pentimento.
Questi sono quelle genti che il nostro Governo sostenuto  da quello Europeo ,intende far entrare nelle nostre case, nella nostra vita in nome di un accoglienza impossibile, di una integrazione inimmaginabile.
Lo dimostrano i fatti, i crimini e le violenze; non ultima in ordine di tempo l’efferata aggressione ad una coppia di rumeni a Vittoria in Provincia di Ragusa a due passi da quella Pozzallo ove la triplice sindacale è andata a festeggiare il proprio 1° Maggio al grido: ancora si  all’immigrazione in nome della solidarietà.
Morti e stupri, atti compiuti da chi della civiltà nostra e della legge non ha ne cultura ne rispetto, pronti alla recidività impunita.
Il nostro plauso, và alle forze dell’ordine per esser riusciti ad assicurare alla giustizia coloro che si sono macchiati di un così duplice ed efferato crimine, l’uccisione di un uomo e lo stupro della propria compagna.

28 apr 2015

Solidarietà ai forzanovisti milanesi

Il Coordinamento IBLEO di Forza Nuova Ragusa,
esprime la propria solidarietà ai militanti forzanovisti milanesi per il vile attaccato subito alla Sede di Via Palmieri 1, nel quale i soliti estensori dell'infamia, nottetempo e nascosti dal buio, hanno rotto una finestra e lanciato una bomba carta all'interno ed in più, per rendere più eroica le proprie gesta,  i muri sono stati imbrattati con la vernice.

#forzanovistichenonarretrano

Manifestazione 1 Maggio, diniego per Forza Nuova La farsa!


I fatti
            Il 25 Marzo 2015, il Movimento Forza Nuova, con i suoi responsabili provinciali,  presenta in Questura a Ragusa, istanza di manifestazione per il 1° Maggio a Pozzallo, in difesa del diritto al lavoro, per supportare l’attività economica del comparto turistico locale. Giorni dopo, si apprende dagli organi di stampa che i Sindacati CGIL, CISL e UIL organizzeranno per la medesima data una manifestazione a Pozzallo avente come tema: ‘La Solidarietà fa la differenza’.
            Il 3 Aprile 2015 viene notificato ai responsabili del Movimento Forza Nuova il diniego a manifestare nella città di Pozzallo…

Prima constatazione
            Dalla riunione tecnica di Coordinamento interforze, il 31 Marzo 2015 in Prefettura, facendo appello agli Art. 17 della Costituzione, all’art. 18 del R.D. 18.6.1931 n. 773 ed agli art. 20 e21 del R.D. 6.5.1940 n. 635, ci viene negato il diritto sancito della Costituzione, per “l’inopportunità di far svolgere entrambe le manifestazioni in modo contestuale al fine di garantire la tenuta dell’ ordine pubblico”. Diniego fazioso e arbitrario, in quanto non esplicita il perché della scelta di autorizzare la manifestazione indetta da CGIL, CISL e UIL e non quella presentata dagli esponenti da Forza Nuova!
Seconda constatazione
            Dall’indicazione del preavviso di pubblica manifestazione presentata dai rappresentanti provinciali delle sigle sindacali in data precedente alla nostra -23 Marzo 2015- non si evince il nominativo di chi lo ha presentato questo, a quale organo competente e in quali forme esso sia stato presentato. Nella missiva poi, si fa riferimento, (come se ciò potesse essere ‘motivo’ da tener in debito conto) al fatto che, della manifestazione organizzata dai sindacati, “si era già data ampia diffusione dagli organi di informazione a carattere nazionale il 18 marzo 2015”. Cosa che, ovviamente, non può sostituire nei termini e nei modi l’iter indicati dall’attuale normativa vigente
            L’8 Aprile 2015 i legali del movimento forzanovista, presentano in Questura ‘istanza di accesso agli atti’ per visionare copia del fascicolo riguardante la tempistica della richiesta presentata dai rappresentanti sindacali, alla luce della normativa vigente che offre “facoltà ad ogni cittadino di accedere agli atti di un’amministrazione pubblica e verificarne veridicità ed esattezze
            Il 22 Aprile 2015 (dopo 14 giorni!!!), è data risposta alla richiesta di accesso agli atti… ma solo in formaparziale! Contestualmente, è comunicato l’ennesimo diniego da parte del Prefetto che rigetta il ricorso presentato da Forza Nuova!

Conclusioni
            Le nostre conclusioni non possono non palesare dubbi su scelte ‘arbitrarie’ degli organi competenti. “Le soluzioni alternative proposte hanno evidenziato come l'Ufficio territoriale del governo abbia precluso ogni spazio a forme di dissenso a quella che riteniamo sia una ‘farsa’ delle organizzazioni sindacali”, dichiara il coordinatore provinciale di Forza Nuova Ragusa, Maria Borgia. “Di fronte alla disperazione di migliaia di famiglie italiane, stritolate da una crisi economica sempre più profonda, dovuta anche ad un aumento esponenziale, soprattutto nel Meridione, della disoccupazione, i sindacati preferiscono porgere attenzione e accento sul ‘pericoloso’ discorso di un’integrazione impossibile che grava solo sulle tasche di quelle poche attività produttive, miracolosamente sopravvissute a decenni di politiche scellerate dei vari governi, in combutta con chi, solo a parole, ‘difende’ gli interessi dei lavoratori”. In questi giorni, ad esempio, sono stati diversi i tentativi di screditare la presenza in provincia del movimento forzanovista. Hanno impedito la visibilità dei nostri striscioni a Pozzallo, messi la notte di sabato 18 Aprile 2015, accusandoci di razzismi per avere scritto “Immigrato coccolato, italiano dimenticato“ o “Noi con i disoccupati, sindacati con gli immigrati”. Sino a motivarne la rimozione perché “ingiuriosi nei confronti delle istituzioni!!!”, su spinta di note stampa forse suggerite da qualche ente… “Il nostro operato è sempre stato in opposizione alle delinquenziali e mafiose che  gestiscono l’invasione immigratoria afferma Maria Borgia, coordinatore provinciale di Forza Nuova - Serie politiche estere ed aiuti in loco, possono scongiurare morte e sfruttamento e l’impoverimento dei territori, come l’Italia, che accoglie. E’ nostro dovere morale e civile, far valere il diritto che ogni cittadino italiano ha, di manifestare. I nostri Legali sono già stati incaricati a formulare ricorso al TAR e saranno l’onorevole Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova, e Giuseppe Provenzale, segretario regionale di Forza Nuova, a definire eventuali altre azioni legali e politiche da intraprendere in altre sedi e che saranno esplicitate in conferenza stampa, il 1° Maggio 2015, a Pozzallo
                                                                                                                                                                             
Modica 28 Aprile 2015                                                                                                                     Ufficio stampa
                                                     Forza Nuova Coordinamento Ibleo