21/nov/2014

ADRIA (Rovigo): Xenofilia presidofila.

Nova Lex estende la sua solidarietà alla giovane e coraggiosa ragazza dell’istituto alberghiero “Cipriani” di Adria che, liberandosi dalla stupidità del pensiero dominante, ha avuto il coraggio di parlare a cuore aperto ricordando come l’Italia non sia razzista ma sia stanca di questa invasione immane ed incontrollata di extracomunitari, clandestini e mantenuti.

Nello stesso modo condanniamo l’atto prevaricatore del preside, tale sig. Romano Veronese che, come riportato da fonti giornalistiche, ha sospeso la ragazza comminandole una nota scritta.

E’ folle, completamente folle che un soggetto deputato a far crescere e nascere una coscienza critica, imponga con la tracotanza del potere, l’idea del “concetto unico”.

Dovrebbe avere il coraggio di dimettersi da questo ruolo pagato dai lavoratori italiani con le proprie tasse ed andare a trovare il suo completamento personale in qualcuna della diverse associazioni xenofile che favoriscono l’immigrazione clandestina. Li il suo pensiero unico potrebbe avere il massimo della auto-valorizzazione.

Ma prima dovrebbe avere altrettanto coraggio di chiedere scusa all’alunna per il proprio comportamento censorio.

Orwell non andava tanto lontano, quando ipotizzava lo sviluppo del controllo del pensiero e dei concetti per creare una società di schiavi.

Se il concetto espresso dalla ragazza è che questa immigrazione incontrollata sta provocando seri danni alle Società, alla Cultura, alla Economia del nostro Paese, sig. Romano Veronese, noi lo sposiamo in pieno.

Faccia una nota anche a noi, preside.

Movimento Politico/Culturale Nova Lex

16/nov/2014

Mercoledì 19 Novembre Appuntamento in Sede!



Mercoledì
19 Novembre
presso la sede provinciale di 
Forza Nuova Ragusa a Modica,


CENA COMUNITARIA 
dalle ore 20.30.

Per info ed adesioni:
fnmodica@libero.it
tel 328.5656038
 

Pozzallo: la provocazione di forza nuova

«Il Comune? Chiuso per fallimento»

  • Venerdì 14 Novembre 2014
  • RG Provincia,
  • pagina 28

Michele Giardina
Pozzallo. La mancata approvazione del Piano di riequilibrio economico e finanziario bocciato in Consiglio comunale, ha sancito praticamente il fallimento della città della Torre. Delusione e preoccupazione sono sul volto di tutti. Le responsabilità, inutile negarlo, sono da addebitare agli amministratori in carica e a quanti hanno governato la cosa pubblica locale negli ultimi 25 anni.
Lo dicono i numeri, i debiti fuori bilancio, gli sperperi, che sono nella storia contabile dell'Ente. Patetico e irresponsabile chi ha l'ardire di accampare in qualche modo ridicole giustificazioni, aggravando la sua posizione dal punto di vista morale oltre che politico. La città è smarrita. La gente è scoraggiata. Tuttavia le forze sane e vive del paese invitano alla riflessione, per superare il brutto momento senza scoraggiarsi più di tanto, reagendo con la calma dei forti, come solo le persone laboriose e perbene sanno fare. C'è intanto chi reagisce con azioni dimostrative forti e clamorose, come quella posta in essere da alcuni esponenti del Movimento Politico Forza Nuova che la scorsa notte, dopo avere applicato simbolici sigilli sul portone di ingresso del Palazzo di Città, hanno affisso sotto le finestre al piano terra dell'edificio uno striscione con la scritta: " Chiuso per fallimento".
"Abbiamo voluto catalizzare - dice Antonio Salemi, coordinatore di Forza Nuova Pozzallo - l'attenzione dei cittadini sul grave dissesto finanziario in cui versa l'Ente, perché i cittadini possano prendere coscienza che è arrivato il momento di svegliarsi, ribellandosi contro chi, attraverso una politica incapace, ha condotto il paese al fallimento.

----_ Aricolo Completo su "La SICILIA" ed di Ragusa del 14/11/2014

13/nov/2014

Pozzallo: Comune “chiuso per fallimento”.

Nella notte ,i militanti di Forza Nuova hanno affisso davanti al comune di Pozzallo ,uno striscione con la dicitura “chiuso per fallimento”e applicato simbolicamente dei sigilli al portone d’ingresso ,Il Coordinatore Forza Nuova Pozzallo Antonio Salemi ,dichiara che l’azione dimostrativa ,vuole catalizzare l’attenzione dei cittadini ,sul grave dissesto finanziario in cui versa l’Ente ,una presa di coscienza che deve portare i cittadini a svegliarsi  ed a ribellarsi ,contro chi ha portato, attraverso una politica approntata ed incapace ,il paese al fallimento economico, causato in primis dalla scellerata accoglienza di immigrati ,con la conseguente  apertura del CPSA (centro di prima accoglienza e soccorso)che ne ha danneggiato  l’immagine e non solo ,tanto da portare sul lastrico  le aziende  turistiche  di cui Pozzallo era  fieramente fiore all’occhiello Provinciale .
foto pozzallo2

11/nov/2014

Intervista a Fiore:"non siamo politici, ma rivoluzionari"


rilasciata a NoveTV a Scicli presso la ex Camera del Lavoro in occasione di una manifestazione contro l'apertura di un centro per immigrati nel comune di Scicli


Intervista ad FN Coord. IBLEO da parte della RTS.

Forza Nuova – Coordinamento Ibleo
Pozzallo, 11 Novembre 2014 - Comunicato Stampa

Ieri pomeriggio, 10 Novembre, i referenti del Coordinamento Ibleo di Forza Nuova, hanno rilasciato una lunga intervista alla Radio Televisione Svizzera , emittente ufficiale nazionale della Confederazione Elvetica.
La RTS era in provincia di Ragusa con l’intenzione di realizzare una inchiesta sull’immigrazione  a Pozzallo. Proprio su questo tema, la giornalista Veronique Marti, ha voluto approfondire l’argomento con l’unico Movimento nazionalista che ha dato voce ai cittadini contrari al fenomeno immigratorio.
Diverse le domande a cui ha risposto Maria Borgia, coordinatore cittadino di Forza Nuova Scicli. Interessanti ed a tratti provocatorie le domande della giornalista, che ha cercato di capire il più a fondo possibile questo tragico fenomeno che vede in prima linea la nostra Terra.
“La giornalista - sottolinea Maria Borgia – ha davvero cercato di capire i fenomeni che sono sotto la solita propaganda di regime e del silenzio che passa dietro questa operazione di continuo favoreggiamento dell’immigrazione incontrollata . Ma quello che più mi ha colpito è stato quando la Marti ci ha chiesto quale potesse essere un paese estero che vorremmo raggiungere qual’ora la situazione immigratoria dovesse degenerare e creare gravi problemi tali da costringerci ad abbandonare la nostra terra”
“Una domanda spiazzante – continua Maria Borgia - come se la giornalista fosse cosciente che questo fenomeno non potrà che portare al crollo completo del nostro sistema di vita, sociale, economico, culturale. Mi ha dato l’impressione come sei in centro/nord Europa si attendano proprio questo”.
La risposta dei rappresentanti di Forza Nuova non ha però lasciato ulteriori spazi di dubbio alla signora Marti.
“Noi non abbandoneremo la nostra casa e la nostra amata Sicilia” – hanno detto al microfono della RTS i rappresentanti di Forza Nuova - combatteremo civilmente una battaglia politica e sociale per la difesa dei nostri valori e della nostra gente. Battaglia che i cittadini  apprezzano  ed approvano  e che ci sta portando ad aumentare il consenso attorno alle politiche di Forza Nuova. I cittadini del nostro territorio sono stanchi di vedere vanificato il lavoro di tanti anni come, per esempio, i gravi colpi subiti dal turismo che nella sola cittadina di Pozzallo stanno riducendo al fallimento aziende ed imprese . La Sicilia chiede aiuto e noi non molleremo”

Marti ha concluso l’intervista dopo un’ora di serrato botta e risposta coinvolgendo anche il coordinatore Forza Nuova Pozzallo, Antonio Salemi ed alcuni militanti.
“Un colloquio – ha detto Salemi - che ci ha dato la possibilità di far emergere la preoccupazione dilagante per questo fenomeno incontrollato. Ma anche far capire che Forza Nuova ha una sua struttura portante che ha in Roberto Fiore un leader che si distacca dalle vecchie  figure dei politici del passato, interessate solo al proprio benessere personale a scapito del benessere del popolo”._